computer-problem

Non tutto è perfetto. Non imposta quanto benintenzionata o promozionale una certa cosa possa essere, si presenteranno questioni e dovranno essere approcciate ad occhi bene aperti.

L’ultima volta abbiamo discusso in merito al concetto di open source e software pubblici gratuiti. Ci sono stati riscontri positivi a tutto ciò e mentre la maggior parte era d’accordo con noi, ci sono stati alcuni forti interventi di persone che sostengono che Linux sia ben lontano dalla perfezione.  Per prima cosa, vogliamo rendere chiaro che non abbiamo mai detto che le open source e i software pubblici gratuiti siano perfetti. Abbiamo enfatizzato sul fatto che essi esistano e del fatto che necessitino supporto.

In secondo luogo, sappiamo per certo che gli open source e Linux hanno diversi problemi. Come in ogni software, non importa quanto buono, ci saranno problemi che sorgeranno. Possono essere dovuti sia ad errori del sistema che ad errori degli utenti. In ciascun caso, è importante armarsi di sufficiente comprensione verso qualsiasi tipo di problema che possa affliggere un sistema Linux. Dopotutto se punti a provare qualcosa di nuovo, non sarebbe abbastanza di buon senso cercare di trovare quali insidie nasconda?

Problemi

Mentre è chiaro che ogni sistema avrà sempre i suoi problemi, è importante per ogni consumatore prendere parte attiva nell’acquisizione di informazioni inerenti i problemi. Come forse saprete, ci dedichiamo interamente a dissipare i miti e a stabilire fatti in merito a Linux e altri sistemi operativi aperti. Per esempio, vogliamo riportare problemi esistenti e capire perché continuano ad essere dei problemi.

Iniziamo!

Mancanza di supporto hardware

Quando viene pronunciata la frase “ho comprato un computer”, ci si riferisce a due possibili cose. O hai comprato unicamente l’hardware o hai comprato sia l’hardware che il sistema operativo abbinato necessario. La maggior parte delle volte, gli utenti nuovi ai software open source trovano che il loro hardware potrebbe non essere perfettamente compatibile, o non conoscono i trucchi per farlo funzionare.

C’è stata una mancanza discontinua nel supporto hardware per gli utenti Linux, pertanto gli utenti hanno dovuto cercare manualmente e controllare per ogni prodotto per assicurarsi che l’hardware fosse compatibile con il software in uso.

Mancanza di supporto software

Quando hai un computer, ne consegue che necessiti anche di un software per funzionare. Linux e altre open source hanno diverse opzioni in fatto di sistemi operativi e altre applicazioni utilizzate. Questo significa che persone diverse possono riscontrare problemi ed errori diversi.

Siccome questi sistemi sono sviluppati indipendentemente e non sono al di sotto di una corporazione, c’è ben poco in termini di supporto al cliente quando riguarda i software.

E’ interamente a carico degli utenti cercare di vedere se altre persone hanno riscontrato gli stessi problemi e come hanno fatto per risolverli.

Troppi collaboratori

Essendo programmatori indipendenti a sviluppare gli open software che vengono comunemente distribuiti tramite forum o altri siti, ci può essere uno sbalorditivo numero di collaboratori per ciascun sito e in quanto tali, propongono diverse soluzioni per ciascun problema e possono mettere insieme diversi programmi.

Tutto ciò può portare l’utente ad una esperienza alquanto frammentaria. È per questo che è importante per gli utenti essere allerta in merito alle migliori pratiche e le migliori risorse di informazioni riguardo ai collaboratori ed i loro prodotti. In questo modo, ogni utente può sceglier per se ciò che meglio calza per i suoi bisogni. Se siamo bombardati costantemente da troppi aggiornamenti fatti da così tanti collaboratori, come possiamo governare la miriade di possibilità che abbiamo?

Standard di codifica

Dato il numero di collaboratori, ci si aspetterebbe che anche il numero di software fosse altrettanto esorbitante. È come le app che puoi scaricare dal playstore, ce ne sono alcune molto valide mentre altre decisamente sotto lo standard. I software open source possono essere così a volte. Ci deve essere una rigida codifica dei livelli che deve essere implementata per la crescita di altri open source.

Mentre abbiamo degli standard rigidi per la codifica, come per Ubuntu e OpenStack, gli antri necessitano ancora di aggiornarsi con il pacchetto. Gli standard di codifica assicureranno che si sia almeno un certo livello di qualità attesa per il prodotto finale. A questo sempre più forum fanno aderire, ed è veramente una buona cosa.

Quindi, se chiediamo una cosa importante come una determinata qualità o standard da mantenere, ne beneficeremo meglio. Questo serve anche a sradicare coloro che continuano a contribuire tanto per farlo e non considerano se stanno aiutando o creando confusione.

Revisioni paritarie standard

È una regola fondamentale della vita che, se c’è un prodotto, ci sarà qualcuno là fuori che avrà delle opinioni n merito. Il problema sta nel verificare se questo processo di osservazione che ha condotto ad un’opinione finale sia giusto e non di parte. Molto spesso, le revisioni paritarie per gli open source possono essere un po’ di parte in quanto ci sono sviluppatori che non hanno sempre le migliori intenzioni.

Gli utenti beneficeranno di una revisione paritaria; poiché riceverne una giusta e imparziale, aiuta ad innalzare la qualità della programmazione. Ci possono essere anche coloro che pensano che una revisione standardizzata possa limitare la libertà degli sviluppatori, ma difficilmente è così.

Alla fine, non ti arrabbieresti con le istituzioni se si assicurano che i consumatori stiano ricevendo il giusto servizio che meritano, giusto?

Per concludere

Linux ed altri open systems hanno i loro problemi, ma tutti li hanno. Che sia per la licenza scaduta o perché Mac decida di smettere di aggiornare un tipo di software perché obsoleto, qualsiasi sistema ha i propri problemi con cui avere a che fare. Ciò che è importante è che ci sia abbastanza attenzione nei confronti dei problemi esistenti e che coloro che scelgono un particolare sistema o software siano in grado di risolvere il problema.

Siamo tutti utenti e possiamo avere le nostre preferenze, ma alla fine, tutti utilizziamo i computer per rendere le nostre vite più semplici. Anziché concentrare le nostre energie e gridare al vento quale sistema o software sia meglio, dovremmo invece, spostare la nostra attenzione verso la ricerca di migliori soluzioni.

Quali sono le tue opinioni sui problemi degli utenti di Linux? E quelli di coloro che utilizzano gli open source? Ci piacerebbe avere la tua opinione in merito!